11/05/1980 - Vespro VI Domenica Pasqua

Sant'Ilario d'Enza, 11/05/1980
Catechesi al Vespro VI domenica di Pasqua anno C

Ascolta l'audio

Rm 6, 5-7 (salterio sesta domenica di Pasqua) Come dice l’apostolo, il tracciato della nostra vita spirituale è un tracciato che ricalca la vita di Cristo. Questa misteriosa morte e questa misteriosa risurrezione. Il cristiano sa che la sua vita non può essere retta solo da principi di saggezza morale. Un cristiano supera l’equilibrio dei filosofi. Il cristiano aderisce a Cristo. Aderisce alla verità di Cristo. Aderisce all’amore di Cristo. E come Cristo si è sottomesso alla volontà del Padre e ha compiuto tutto con profonda dedizione, così è il cristiano. Come Cristo ha detto: “Sono venuto dal Padre e ritorno al Padre” (cfr. Gv 16, 28), il cristiano sa che, generato come figlio di Dio nel battesimo, deve maturare attraverso tutte le vicissitudini della vita il proprio dono, la propria oblazione per tornare poi al Padre. E si matura così, come abbiamo letto nell’apostolo, si matura in una morte mistica. Il morire al nostro egoismo, alle nostre passioni, al senso indiscriminato di piacere. Crocifiggere la carne, per entrare in quel dominio sereno e forte che è proprio di coloro che con Cristo sono dei risorti. Ecco vorrei che capissimo bene come gli impedimenti della nostra vita morale tante volte dipendono da una visione troppo parziale, da una miopia spirituale che è tremendamente dannosa. Dobbiamo essere buoni, dobbiamo fare il bene, dobbiamo amare tutti, ma non semplicemente fermandoci ad una considerazione umana. Dobbiamo essere così perché come figli di Dio dobbiamo continuare Cristo. Continuarlo. Un cristiano è un prolungamento di Cristo. E noi sappiamo che la chiesa costituisce la pienezza di Cristo. Il cristiano che vive profondamente la sua fede la vive nella chiesa, la vive nella missione della chiesa. Come meditavamo stamattina, c’è un travaglio, ma che termina nella Gerusalemme celeste, c’è un travaglio nella città terrena per entrare in quelle porte, per entrare in quella gloria che il Signore desidera partecipare a tutti. Viviamo allora con entusiasmo la nostra vita morale vedendo con quale generosità, con quale impegno, con quale disponibilità noi possiamo, giorno per giorno, testimoniare a tutti il nostro essere risorti in Cristo, con Cristo.

CODICE 80EAV01365N
LUOGO E DATA Sant'Ilario d'Enza, 11/05/1980
OCCASIONE Catechesi al Vespro VI domenica di Pasqua anno C
DESTINATARIO Comunità Parrocchiale
ORIGINE Registrazione
ARGOMENTI Cristo e il cristiano
Condividi su
MOVIMENTO FAMILIARIS CONSORTIO
Via Franchetti, 2
42020 Borzano
Reggio Emilia
Tel: + 39 347 3272616
Email: info@familiarisconsortio.org
Website: familiarisconsortio.org
  • “È evidente come Don Pietro abbia vissuto il suo sacerdozio
    tra la vita delle persone, condividendo tutto. 
    In fondo, forse, è il segreto più prezioso che ci ha svelato.”
    Umberto Roversi

© 2022 Movimento Familiaris Consortio | Via Franchetti, 2 42020 Borzano (RE) | info@familiarisconsortio.org |Privacy Policy | COOKIE POLICY | SITEMAPCREDITS